Paese che vai, prelibatezze di Carnevale che trovi

Condividi questo articolo con i tuoi amici:
Mentre ci si avvicina alla fine dell’inverno, è già cominciata quella che per alcuni é considerata la quinta stagione dell’anno: il Carnevale. Questa festa é tradizionalmente segnata dagli eccessi al fine di prepararsi al digiuno della Quaresima. HolidayCheck.it ci guida in un tour virtuale tra le specialità culinarie del carnevale in diversi Paesi. Rio de Janeiro – La Feijolada Oltre alla samba ed ai costumi originali, il cibo é parte integrante del carnevale di Rio. La Feijolada (piatto preparato con fagioli neri, lardo e salumi) è il piatto che tutti i partecipanti alle sfilate mangiano dopo gli spettacoli, mentre durante i bagordi si consumano “Papos de anjo” (delizia degli angeli), dei dolci a base di uova, zucchero e ricoperti da uno sciroppo bollente all’estratto di vaniglia. Germania – Berliner Il “Karneval”, “Fastnacht” o “Fasching” a seconda della zona tedesca in cui ci si trova, é molto festeggiato anche in Germania, dove, a differenza dell’Italia il clou si raggiunge il giovedì. Durante le sfilate i protagonisti gettano caramelle dai carri, mentre per gli spettatori la tradizione é quella di rimpinzarsi di berliner (dolci come le ciambelle, ma senza il buco e di solito ripieni di marmellata). Regno Unito – Pancake Day Nel Regno Unito, il Martedì Grasso è anche conosciuto come “Pancake Day”, giorno in cui si mangia il maggior numero di frittelle possibile. La tradizione nasce dall’idea di “eccedere” prima del Mercoledì delle Ceneri in modo da evitare le tentazioni durante la Quaresima. Il gioco più conosciuto e divertente della giornata è la corsa dei Pancake, nella quale le donne si sfidano in una competizione alquanto originale: devono correre fino alla chiesa tenendo in mano una padella con una frittella calda. La vera prova di abilità, però, consiste nel lanciare almeno tre volte il pancake prima di completare la gara. Alla fine, la vincitrice serve il suo pancake al campagnaro (“bellringer”), il quale la ricompenserà con il bacio della pace (“kiss of peace”).
Pancake
New Orleans, USA – King cakes Il grande giorno di Carnevale a New Orleans si chiama “Mardi Gras”. Se ci andate non perdetevi il famosi dolci del re (“king cakes”). Il dolce più comune è un anello di pane intrecciato e ricoperto da una glassa con colori luminosi, che vanno dal viola, al verde e all’oro (i colori originali del carnevale). Spagna – Freixes Nelle zone dove questa festa é più sentita, sono tipici i Freixes (una specie di crêpe) e le frittelle. In Catalogna si usa mangiare una torta aperta con cotenna di maiale, pinoli, zucchero, uova, pane, uva passa e una salsiccia fatta di stomaco di maiale farcito con carne macinata. Anche al sud si trovano vari dolci “carnevelescos”. A Cádiz troviamo i dolci Olvera, le focacce e le frittelle. A Granada la cagliata di Carnevale, un dolce cucinato con gli avanzi di Natale e che è preparato in un bacinella di Fajalauza (un tipo di ceramica) decorato con il disegno di un guscio fatto di zucchero e cannella. Scandinavia – Semla Nei paesi scandinavi come Svezia, Danimarca, Islanda e Finlandia è tradizione che il lunedì e il Martedì Grasso si mangi la Semla, un dolce che assume la forma di una pagnotta di grano riempita con un impasto di latte e di mandorle e ricoperta di panna montata.

Ti piace il blog? Mi trovi anche su Facebook Instagram Google+ Twitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

carnevale, cucina, piatti tipici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui social

DATI FISCALI

Valentina Besana
Partita Iva: 15583041007
Cookies Policy
Privacy Policy


© Copyright 2020​ beroad.it | Powered by luisafassino.com