Skip to main content
viaggio fai da te

Pianifica un viaggio fai da te in 6 semplici step (senza agenzia)

Conosco persone che viaggiano poco perché non sanno organizzare vacanze fai da te.
Pensano di essere poco capaci, e magari non amano andare nelle agenzie di viaggio perché hanno la sensazione di spendere troppo.



E’ vero che organizzare un viaggio fai da te non è per tutti, soprattutto per coloro che hanno poco tempo libero. Capisco che se hai un lavoro full time l’ultima cosa che vorresti fare la sera o durante il weekend è accendere il computer e organizzare le vacanze.

Ma se la voglia di partire è tanta ti esorto a fare un tentativo, ti assicuro che le soddisfazioni ci saranno!

Ecco i 6 passi che ti suggerisco di seguire per organizzare una vacanza fai da te senza (troppo) stress.

Ogni volta che vedi un reel su instagram, un post su un bog o un articolo su una rivista cartacea su una meta che ti ispira e che ti fa venir voglia di fare subito la valigia, segnatela sulle note del telefono (o dove preferisci).

Quando arriva il momento di pianificare una vacanza riprendi le mete appuntate e fai una prima cernita rispondendo ad alcune domande come: “è la stagione giusta per andarci?”; “E’ una meta che al momento posso permettermi economicamente?”; “Ho abbastanza giorni di ferie per visitarla?
Lasciati aperta la possibilità su un paio di mete.

Come risparmiare sui biglietti aerei

Ti servirà un volo per raggiungere la tua meta? Tieni d’occhio i prezzi dei biglietti aerei, che possono variare molto di giorno in giorno. A questo scopo io uso principalmente SkyScanner e Google Flight.

Inserisco l’aeroporto di partenza e di arrivo, l’opzione volo diretto o con uno o più scali, il periodo, quante persone siamo e la classe. Una volta ottenuti i risultati se trovo qualcosa di buono prenoto subito, se non sono soddisfatta attivo l’opzione “monitora prezzi”, così riceverò per email l’aggiornamento di prezzo.

Puoi anche selezionare il monitoraggio per “Qualsiasi data”, in tal modo riceverai un’email quando il prezzo minimo dell’itinerario diminuisce in modo significativo nell’arco di in un mese.

Come risparmiare sul treno

Per quanto riguarda invece i viaggi in treno, io uso ormai da un paio d’anni l’app Trainline, che trovo comodissima soprattutto quando devo prenotare un treno all’estero e non conosco il nome delle varie compagnie. Su Trainline ti basterà inserire la città di partenza e quella di arrivo, decidere l’orario e scegliere la tariffa più conveniente.
I risultati comprendono tutte le compagnie ferroviarie della zona di interesse.
Si prenota direttamente dall’app, dalla quale puoi poi monitorare info come ritardi e numero di binario.

Una volta scelta la meta e comprato il volo, non ti resta che prenotare un alloggio. Io uso quasi sempre Booking, solo a volte AirBnb. Su Booking infatti oltre ad alberghi, B&B e ostelli, trovo spesso anche la possibilità di prenotare appartamenti o case vacanza, così da avere più scelta.

Ho già scritto un post sui 6 Trucchi per risparmiare su Booking (e non prendere fregature), dove ti spiego gli step da fare per prenotare un alloggio soddisfacendo il più possibile le tue esigenze.

Ti consiglio di leggere anche l’ultimo post che ho scritto, a proposito di un tentativo di phishing che ho subito proprio tramite Booking (la piattaforma Booking non c’entra nulla ovviamente, è solo uno dei mezzi che i truffatori usano per appropriarsi ingiustamente di somme di denaro).

Scozia
Viaggi fai da te: la nostra vacanza a tappe in Scozia

Se quello che stai programmando è un viaggio a tappe, prenotare i vari alloggi sarà decisamente più impegnativo rispetto a doverne prenotare uno solo.

Per prima cosa dovrai fare un itinerario. Si ma come si fa un itinerario fatto bene?
Ammetto che non mi piace molto creare itinerari, più che altro perché ci vuole tempo.
E infatti per prima cosa ti suggerisco di non avere fretta.
Comincia col fare una ricerca su google con le parole chiave “itinerario nome destinazione … e il numero di giorni”, tipo “Itinerario Scozia 10 giorni”.

Fai una selezione dei risultati ottenuti e salvati i post che ti ispirano di più e dei travel blogger che già conosci e di cui ti fidi.

Quando hai tempo leggiti gli articoli che ti sei salvato e appuntati su un foglio o sulle note del telefono un possibile itinerario.

Visita gruppi FB specializzati in viaggi o mete specifiche. Io trovo molto utile il gruppo Visitare l’Europa.

Dopo aver fatto la tua ricerca, vai su Google Maps e controlla le distanze tra una tappa e l’altra, così da decidere quante notti passare in un determinato posto.

Se sei vecchio stile compra invece una guida di viaggio cartacea, le mie preferite sono le
Lonely Planet

Solo quando il tuo itinerario ti convincerà sarà arrivato il momento di andare su Booking e prenotare i vari alloggi.

Anche in questo caso puoi prima consultare i tuoi travel blog preferiti per vedere se suggeriscono alloggi nella meta scelta.
Sul mio blog puoi consultare la sezione “Ospitalità” dove consiglio alloggi (e ristoranti), la maggior parte provati personalmente.

Anche se il bello di una vacanza che prevede varie tappe è poter decidere all’ultimo momento dove fermarsi, se viaggi in alta stagione (e soprattutto se sei con altre persone) ti suggerisco di prenotare gli alloggi per non rimanere senza un tetto sopra la testa per dormire.

Vuoi ricevere per email i miei consigli di viaggio?  
ISCRIVITI, E’ GRATIS!
Non intaserò la tua casella e-mail, ti scriverò solo una volta al mese

Accetto l’informativa sulla Privacy flaggando il checkbox a sinistra.* (Leggi informativa)

Flessibilità

La mia pianificazione delle cose da vedere è solitamente molto blanda.
Mi appunto le cose secondo me imperdibili facendo un possibile calendario di come organizzare le giornate, ma niente di troppo rigido.
Un tempo ero l’esatto opposto, ma viaggiando con i figli mi sono molto ammorbidita anche perché sarebbe impossibile (e stressante) seguire itinerari poco flessibili.

Google Maps

Se la città che visiterai è molto grande (tipo Tokyo o New York), cerca di concentrare in un’unica giornata le cose da fare che si trovano nello stesso quartiere (o in quartieri limitrofi), in questo modo perderai molto meno tempo per gli spostamenti.

Quando sono in fase di pianificazione mi salvo attrazioni e ristoranti suggeriti su Google Maps, così da avere una visione chiara delle distanze.

Prenota in anticipo le attrazioni più conosciute

Altro suggerimento: se c’è un posto, un museo, un tour, un’attrazione che proprio non vuoi perderti, prima di partire fatti un giro sul sito Get Your Guide e prenota in anticipo: le attrazioni più turistiche le troverai facilmente sold out se decidi di comprare i biglietti a ridosso della data che ti interessa.
Considera che la comodità di Get Your Guide è che le prenotazioni sono quasi sempre cancellabili fino a quasi l’ultimo momento.

Come ultima cosa, prima di partire stipulo un’assicurazione di viaggio per eventuali imprevisti, così da non avere pensieri.
I vantaggi che offre un’assicurazione di viaggio sono molteplici, come la copertura delle spese legate a imprevisti (la cancellazione di un volo o lo smarrimento dei bagagli) e la copertura delle spese sanitarie, che non in tutti i paesi sono gratuite per noi italiani.

Io solitamente utilizzo l’assicurazione di viaggio Heymondo. Se vuoi provarla ho uno sconto per te!
Al momento per l’offerta estiva lo sconto è del 15%, ma se leggerai questo post successivamente al 30 Giugno 2024 sappi che lo sconto è sempre attivo almeno del 10%.

Clicca qui e fai subito l’assicurazione di viaggio, c’è uno sconto per te!

Disclaimer: in questo post sono presenti link a TicketOne, Heymondo e Amazon perché partecipo al programma di affiliazione che mi consente di percepire una commissione pubblicitaria sui biglietti che acquistate. Voi non avrete nessun costo aggiuntivo ma supporterete il lavoro che svolgo ogni giorno su questo blog

❤️ Ti piace il Blog? Seguimi anche sui social
Facebook
Instagram
Pinterest

🔴 Aspetta! Leggi anche:


Valentina Besana

Ciao, sono Valentina Besana, creatrice di BeRoad, tra i primi e più autorevoli travel blog in Italia. 
 Ti porto ovunque, dal 2009, nonostante i grandi cambiamenti della vita... tipo due figli (ormai adolescenti) e una pandemia, che mi ha lasciato scoprire le meraviglie del Lazio. 
 Appena posso, parto anche per mete un po' più lontane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Contact Us