• Home
  • Eventi e Festival
  • “Welcome to Rome”: la storia di Roma spiegata (anche) ai bambini nel museo multimediale di Paco Lanciano

“Welcome to Rome”: la storia di Roma spiegata (anche) ai bambini nel museo multimediale di Paco Lanciano

Roma non è di certo famosa per essere una città fredda, ma tra Gennaio e Febbraio qualche giornata con temperature polari ci può essere. E allora che si fa se si viaggia con i bambini e non si ha voglia di passare troppe ore al gelo?
Ci sono diverse cose da fare a Roma con i bambini quando piove e fa freddo, come il museo Explora e il Museo di Zoologia, ma se avete figli già grandicelli, occhio e croce dagli 8 anni in su, e interessati alla storia, allora vi consiglio il “Welcome to Rome”.

Cos’è “Welcome to Rome”

“Welcome to Rome” è una sorta di cinema, un museo multimediale che regala un’esperienza immersiva, un viaggio nel tempo che porta gli spettatori a vivere i 2700 anni della storia di Roma, che da piccolo villaggio è diventata la città che oggi conosciamo. Una sintesi dei principali eventi storici e delle tappe fondamentali della Città Eterna.

"Welcome to Rome"
“Welcome to Rome” con i bambini


Ricavato dal vecchio cinema Augustus e nato da un’idea di Paco Lanciano, fisico e divulgatore scientifico conosciuto anche come il collaboratore storico di Piero Angela, il “Welcome to Rome” si divide in due principali esperienze: il cinema immersivo, con spettacolari videoproiezioni su pareti, soffitto e pavimento, della durata di mezz’ora circa, e l’osservazione di plastici semoventi davvero ben realizzati, Il tutto accompagnato da un’audioguida con voce narrante disponibile in ben 8 lingue.

Il linguaggio utilizzato è abbastanza semplice e, soprattutto la parte del cinema, è molto coinvolgente anche per i bambini. Sconsiglio tuttavia di andare al “Welcome to Rome” con bambini troppo piccoli, che potrebbero trovare l’esperienza un po’ noiosa e avere difficoltà a tenere per tutto il tempo le cuffie con l’audioguida.

Almeno questo è quanto abbiamo riscontrato con nostra figlia di 5 anni, mentre il grande (8 anni) ha apprezzato molto. Ovviamente devono essere bambini un minimo interessati alla storia in generale. 

"Welcome to Rome"
“Welcome to Rome” con i bambini


Mi è parso di capire che il “Welcome to Rome” non sia ancora molto conosciuto dai turisti (soprattutto italiani). Io stessa ne sono venuta a conoscenza circa un mesetto fa tramite una famiglia israeliana in visita a Roma che mi ha chiesto informazioni al riguardo (e io sono caduta dalle nuvole). 
Consiglio il “Welcome to Rome” ai turisti ma anche a chi a Roma ci abita e vuole introdurre la storia della Città Eterna ai propri figli. La nostra esperienza è stata positiva, unico neo qualche problemino tecnico che abbiamo avuto con l’audioguida che ogni tanto saltava.
 

"Welcome to Rome"
“Welcome to Rome” con i bambini


L’esperienza al “Welcome to Rome” è stata per noi possibile grazie ad una collaborazione con Musement, portale che offre un’ampia scelta di attrazioni, tour ed esperienze insolite per turisti che vogliono visitare Roma (e le principali città del mondo).
Avevo già collaborato con Musement per la nostra gita su autobus turistico a due piani, ricordate?
 

Dove mangiare vicino al “Welcome to Rome”

Il “Welcome to Rome” si trova in pieno centro storico, in Corso Vittorio Emanuele II, 203. Noi da lì ci siamo spostati al Ghetto ebraico per mangiare, che abbiamo raggiunto con una piacevole passeggiata di 10 minuti circa. Abbiamo pranzato da “Su ghetto” (Via del Portico d’Ottavia, 1 C), che offre un’ottima cucina kosher senza latte, dove è possibile assaggiare cibo della tradizione giudaico–romanesca, kosher e mediterranea. Buonissimo il cous cous Craimi (con cernia e sugo piccante), ma anche gli gnocchi, la coratella e i carciofi. Se siete amanti dei panini in menù trovate anche il pastrami, l’hamburger e il vegburger con ceci e carciofi. 

Il cous cous di Su Ghetto
Il cous cous di Su Ghetto nel quartiere ebraico


Se invece cercate i classici primi romani con guanciale croccante (ingrediente che non troverete nella carbonara o nell’amatriciana dei locali kosher), spostatevi di qualche metro per mangiare da “Giggetto”, tipica trattoria della città di cui vi ho parlato qualche giorno fa, comodo anche per chi viaggia con passeggino al seguito.
Ah raccomando, se siete in zona e non c’è troppa fila fate un salto anche nello storico forno Boccione per assaggiare la pizza romana-ebraica (la pizza di Beridde), così buona da dare dipendenza! E non fatevi ingannare dal nome, non è salata ma è un dolce un po’ rustico con tanta frutta secca e canditi. 

La pizza romano-ebraica
La pizza romano-ebraica del forno Boccione

 

Ti interessano altre notizie su cosa fare a Roma con i bambini?
Mi trovi anche su Instagram
ROME4CHILDREN

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici:

con bambini, roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui social

DATI FISCALI

Valentina Besana
C.F. BSNVNT79A56D810N
Cookies Policy
Privacy Policy


© Copyright 2020​ beroad.it | Powered by luisafassino.com