Roma (Casa del Cinema): in mostra 50 scatti dai set del cinema italiano

Dal 21 febbraio al 25 aprile 2011 saranno esposte alla Casa del Cinema di Roma 50 foto per raccontare le location regionali del cinema italiano. Si tratta della mostra “Viaggi in Italia 2 – Set del cinema italiano 1960-1989”.

Profondo Rosso
Profondo rosso (1975) regia di Dario Argento - Foto di Franco Bellomo

Un cinema fatto non solo di riprese, ma anche di immagini. Di singoli fotogrammi che immortalano una scena girata in una strada, una piazza o una campagna in giro per l’Italia.
Scatti rubati fra un ciak e l’altro, quando la cinepresa usciva dagli studi cinematografici e andava a indagare i luoghi e le persone, in un lungo viaggio sentimentale che dalla Valle d’Aosta arrivava fino alla Sicilia.
L’esposizione racconta, con 50 scatti in bianco e nero, le location regionali toccate dal cinema italiano nel corso di un trentennio, partendo da “L’avventura” di Michelangelo Antonioni (1960) e finendo con “Che ora è?” di Ettore Scola (1989) ed è accompagnata da un catalogo trilingue, pubblicato dalla Società editrice “Il Ponte Vecchio”, introdotto da un’intervista a Mario Monicelli, una delle ultime da lui rilasciate.
Se nella prima tappa del progetto triennale “Viaggi in Italia” si erano documentati i primi set regionali dei film italiani del dopoguerra, in questa seconda tranche si vuol rendere conto dell’ampio girovagare del nostro cinema, nel corso del trentennio successivo, alla ricerca di nuove location regionali.
La mostra punta a restituire scenari urbani ed extraurbani di piccoli paesi e di campagne, scelti come luoghi per raccontare le storie più diverse, tra film d’autore e cinema popolare. In questo modo si è costruita un’esposizione che dà testimonianza della varietà delle singole location regionali (tutte le regioni sono rappresentate, ad esclusione del Molise) e della diversificazione produttiva e di genere che ha caratterizzato il cinema italiano in quel trentennio. Il tutto cercando di mettere in evidenza, anche attraverso molti scatti inediti, l’alto risultato qualitativo conseguito da varie generazioni di fotografi di scena.
Tra gli altri sono in mostra gli scatti sui set di: Il sorpasso di Dino Risi (1962), Anni ruggenti di
Luigi Zampa (1962), La visita di Antonio Pietrangeli (1963), Vaghe stelle dell’orsa di Luchino
Visconti (1965), Uccellacci e uccellini di Pier Paolo Pasolini (1966), Per grazia ricevuta di Nino
Manfredi (1971), Prima notte di quiete di Valerio Zurlini (1972), Romanzo popolare di Mario
Monicelli (1974), La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati (1976), Padre padrone di Paolo e
Vittorio Taviani (1977), Non ci resta che piangere di Benigni e Troisi (1985), Un ragazzo di Calabria
di Luigi Comencini (1987), Il grande Blek di Giuseppe Piccioni (1987), Francesco di Liliana Cavani
(1989).
Dov’è la Casa del Cinema di Roma?
Largo Marcello Mastroianni, 1 – 00197 Roma (a 50 metri da Porta Pinciana e da Via Veneto)
Ingresso: da Piazzale del Brasile e da qualunque accesso a Villa Borghese.
Autobus (fermate accanto alla Casa del Cinema su Viale San Paolo del Brasile) Linee 490 – 491 – 495 – C3 – 88 – 95 – 116
Metropolitana Linea A (fermate Spagna-Villa Borghese, Barberini, Flaminio, Piazza del Popolo)
Dove parcheggiare: Parcheggio di Villa Borghese
La Casa del Cinema è accessibile ai visitatori disabili
Quando
Tutti i giorni dalle 15.00 alle 19.00
Contatti
www.060608.it – www.casadelcinema.facebook.com
tel. 060608
Ingresso gratuito

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici:

roma, viaggi e cinema, villa borghese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui social

DATI FISCALI

Valentina Besana
C.F. BSNVNT79A56D810N
Cookies Policy
Privacy Policy


© Copyright 2019​ beroad.it | Powered by luisafassino.com