Dahab, Egitto: dove le montagne incontrano il mare

English version

L’anno scorso mentre decidevamo dove andare per una breve vacanze – un posto esotico ma non troppo distante – optammo per l’affascinante Mar Rosso. Tutte le agenzie di viaggio a cui mi rivolsi per qualche informazione proponevano Sharm El Sheik o Hurghada ma io preferisco sempre mete meno costruite.
Dopo alcune ricerche alla fine decidemmo per la tranquilla cittadina di mare Dahab.






Un Beduino una volta descrisse Dahab come “un posto dove le montagne baciano l’acqua di una calma laguna blu e dove il vento soffia attraverso l’anima”. Situata a soli 80 chilometri da Sharm el Sheik, Dahab ha una lunga distesa di spiagge dorate e sabbiose (Dahab vuol dire “dorato” in Arabo) che corre lungo l’acqua cristallina del Golfo di Aqaba.

dahab
Jennifer e la sua famiglia a Dahab

Con le aspre montagne del Sinai che scendono precipitosamente e la costa dell’Arabia Saudita che dalla spiaggia si vede un po’ annebbiata dall’altra parte del Golfo, Dahab appare come una verde oasi nell’arido deserto.
Rinomata per il kite e il windsurf, per il trekking nei canyon colorati e per la sua vicinanza con uno dei migliori luoghi al mondo per il diving (la barriera corallina nel Ras Muhammad National Park), Dahab offre diverse cose da fare per tutta la famiglia.
Le mie figlie, che all’epoca del viaggio avevano poco più di tre e un anno, se la sono spassata facendo buche nella sabbia, tuffandosi nell’acqua e giocando presso il baby club dell’hotel. Avendo dei bimbi piccoli si è ovviamente un pò limitati nelle attività e nelle escursioni ma questo non ci ha impedito di fare snorkeling, di andare su una barca dal fondo trasparente e fare una passeggiata a cavallo di un cammello.
Inoltre abbiamo vissuto un’esperienza incredibile in Egitto, qualcosa che spero le mie bimbe ricorderanno e che mi fa sorridere al solo pensiero. La cena beduina nel Sinai è stata davvero indimenticabile. Ci siamo diretti con una jeep verso la montagna finchè non abbiamo raggiunto un wadi (o piccola valle) e un campo beduino. Lì c’è stato servito del tè e una deliziosa cena all’aperto a base di kufta , pollo grigliato e riso, seduti su un tappeto intorno ad un falò.
Con un gruppo di giovani egiziani ed una coppia del Cairo in viaggio di nozze ci siamo seduti a guardare un incredibile cielo tempestato di stelle ascoltando la calma del deserto, il crepitio del fuoco e i beduini cantare e suonare il rebab. Pura magia.
 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici:

con bambini, dahab, mar rosso, snorkeling

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi sui social

DATI FISCALI

Valentina Besana
C.F. BSNVNT79A56D810N
Cookies Policy
Privacy Policy


© Copyright 2019​ beroad.it | Powered by luisafassino.com