Il Carso e i vini di Beniamino Zidarich

scritto da il 1 Ottobre 2013


Io amo il vino, in (quasi) tutte le sue sfumature, e questo, penso di averlo dichiarato più e più volte.

I motivi che mi portano ad amarlo sono davvero tanti e vanno decisamente oltre al piacere personale e alla delizia del palato, ma dopo che ho cominciato a girare per cantine ho capito cosa c’era, quali erano le corde giuste che venivano stimolate per farmi accendere la scintilla… e si finisce sempre lì, nella passione che si lega imprescindibilmente alla follia.

carso

Beniamino Zidarich è uno di quelli che metterei in direttissima nella categoria dei vignaioli eroici, per la voglia di coltivare sui terreni friulani del Carso, dove bisogna scavare la roccia calcarea e farsi bastare la poca terra rossa che è il tocco d’arte nei suoi vini che nascono e crescono praticamente solo lì, in vigna.

E in vigna, sotto il sole, ci racconta passo dopo passo cosa mette in bottiglia, senza compromessi e troppe lavorazioni. E tra quei filari raccoglie la terra e la sbriciola tra le mani, ci mostra i grappoli, stacca le foglie un po’ secche, come se quelle piante e quella terra avessero bisogno di una cura quasi affettuosa per dare il meglio. E pensare che questa collina sul Carso non è neanche la parte migliore da vedere.

Scendiamo in cantina e quello che ci si presenta davanti agli occhi è a dir poco sbalorditivo: una cantina completamente scavata nella roccia, cinque piani e tunnel pieni di botti dove viene affinato il vino… Da non crederci. “ogni pietra che è stata tolta è stata usata per la realizzazione della cantina, niente è stato smaltito nè buttato… Quello che era qui, qui è rimasto, nonostante molti non ci credano”. Se non è amore questo.

carso

E poi, ovviamente, i vini. Ne proviamo due seduti nell’osmizza che affaccia su un paesaggio da cartolina (più uno che è ancora un “prototipo” che non si può svelare), la Vitovska e il Terrano, un bianco e un rosso. Strani, non per tutti i palati. Il bianco è macerato sulle bucce, “segue la sua strada, io non faccio molto, è il vino che fa tutto da solo, e si sente”. Il colore è giallo dorato, torbido, il profumo continua a variare. Se il vino si fa da solo significa proprio che quella terra sente tutto l’amore e il rispetto che Beniamino mette nel suo lavoro.

Non vi fidate del mio giudizio? Provate a curiosare cosa dice Scanzi dei vini di Zidarich: credo si sia innamorato anche più di me.

Contatti Azienda Agricola Zidarich
Loc. Prepotto, 23 – Duino Aurisina – Trieste
Tel./Fax:  040 201223
mail: info@zidarich.it
Sito web: zidarich.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui trovi i miei consigli su:

BeRoad sui Social Network

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road beroad su instagram

Cerca nel blog

Ciao! Sono Valentina

Be Road Chi sono

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 5 e 8 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

A New York – Video

Disneyland Paris

Disneyland Paris risparmiare

Londra

Londra con bambini

Fuerteventura (Canarie)

Fuerteventura con bambini

New York City

new york con bambini

Lisbona

lisbona con bambini

Cornovaglia

cornovaglia con bambini

Torino

Torino con bambini

Formentera

Formentera con bambini