Scopri cosa vedere a Genova in 48 ore

scritto da il 27 febbraio 2012


Quarantotto ore sono poche per conoscere una città, ma sono abbastanza per farsi un’idea.
Sono partita con il treno da Roma e in poco meno di cinque ore (in realtà avrebbero dovuto essere quattro ore e venti!) sono arrivata a Genova. Per prima cosa vi dico che un’alternativa più veloce e più economica del treno c’è: dal 30 Ottobre 2011 Ryanair effettua la tratta Roma-Genova in un’ora, i prezzi (a seconda delle offerte) sono molto più bassi di Trenitalia.

Genova è una città particolare, di porto, un po’ decadente e oserei dire un pochino sporca. Come primo impatto può non piacere anche se io l’ho trovata una città interessante.


Cosa vedere a Genova in 48 ore

Il Galeone Neptune al Porto Antico

- Porto Antico: una passeggiata al Porto Antico di Genova è d’obbligo. Molto affascinante il Galeone Neptune. Si tratta della ricostruzione di un Galeone del 1600 realizzata per il film di Roman Polanski dell’86 “Pirati”. La grande imbarcazione dopo le riprese del film è rimasta parcheggiata al porto antico ed è diventata una vera e propria attrazione turistica con tanto di biglietti d’ingresso se si ha voglia di visitare l’interno (costo 5 euro).
Peccato che davanti al porto ci sia una bruttissima sopraelevata che taglia il paesaggio marittimo.
Di fronte al porto ci sono i famosi portici di Sottoripa, dove di giorno potrete fermarvi per uno spuntino o un pranzo veloce alla storica friggitoria Carena (al numero 113, chiuso la domenica) ed assaggiare squisite focacce, farinate o, se amate il pesce, un cartoccio di fritti di mare da mangiare passeggiando e curiosando per i portici.
Di sera vi sconsiglio la zona, troverete tutto chiuso.

- L’Acquario di Genova: se amate gli acquari sappiate che quello di Genova, progettato da Renzo Piano, è uno dei più belli d’Europa.
Il costo del biglietto è di 19 euro, non fanno accrediti ai blogger ma solo ai giornalisti muniti di tesserino.
Con 23 euro potrete visitare, oltre all’acquario, anche la Foresta dei Colibrì e la Biosfera (la famosa Bolla di Renzo Piano). Il mio consiglio è di dedicarvi solo all’acquario, considerate un paio d’ore per visitarlo tutto con calma.
Esiste anche un biglietto di validità annuale dal costo di 39 euro che vi consentirà di visitare anche la Foresta dei Colibrì, la città dei bambini e dei ragazzi, Galata Museo del Mare, il Sommergibile S518 Nazario Sauro, la Biosfera e di salire sul Bigo, l’ascensore panoramico progettato da Renzo Piano.

Foto scattata all’interno dell’acquario

Boccadasse: se l’acquario non vi interessa vi consiglio una passeggiata fino a Boccadasse, un antico borgo marinaro molto carino. Calcolate un’oretta di cammino dal Porto Antico (sono quattro chilometri circa sul lungomare della città, corso d’Italia.

Piazza delle Erbe: luogo di ritrovo dall’aperitivo al dopocena. Di giorno la troverete semi deserta, la sera avrete difficoltà a camminare per via della gente che c’è.

Palazzo Reale. Bellissimo palazzo, se non vi va di pagare il biglietto d’ingresso potete comunque fare un giro gratis per i giardini.
- Palazzo Ducale. Palazzo che ospita sempre interessanti mostre (fino al 1 Maggio 2012 Van Gogh e Gauguin).
Chiesa del Gesù, in Piazza Matteotti. All’interno sono presenti diverse opere importanti, tra cui una tela raffigurante la Circoncisione del pittore Pieter Paul Rubens

– Mangiare cucina tipica genovese (a prezzi bassissimi) da Maria la zozza;

– Assaggiare la focaccia di Recco (focaccia riempita con della crescenza) in una delle tante focaccerie del centro storico.

Per i più golosi: fare merenda con un cono o un krafen farcito solo con della panna freschissima alla Cremeria Buonafede di via Luccoli.

Tutte le foto scattate a Genova

Ti piace il blog? Mi trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni

Commenti (1)

 

  1. graziana scrive:

    grazie delle segnalazioni! magari faccio un salto prima della chiusura della mostra e approfitto per un giretto!

Trending Topics

Cerca nel sito

Social Be Road

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

  • Non ci sono articoli

@beroad.it su Instagram

I post più recenti

Be Road su Facebook