Curiosità dalla Spagna: la corsa dei Tori

scritto da il 12 novembre 2010


La corsa dei tori è diventata senza dubbio un evento di fama internazionale. D`altronde come può non salire alla ribalta una tradizione che è in assoluto una delle più folli a livello mondiale e che si è estesa non solo all`interno della Spagna, ma anche in molti paesi dove si parla la lingua spagnola.
Tuttavia, la corsa dei tori più famosa si tiene durante i nove giorni della festa di San Firmino a Pamplona, dove una dozzina di tori vengono lasciati liberi di sbizzarrirsi in una strada transennata fianco a fianco con temerari partecipanti disposti a vivere un`esperienza a dir poco stravagante per più o meno 800 metri di tragitto, da percorrere in circa tre minuti.
Le regole per prendere parte alla corsa sono molto rigide e i rischi sono altissimi, in particolare se i tori sono arrabbiati. Trattandosi inoltre di una tradizione ormai consolidata, l`attesa intorno ad essa è enorme, sono ben due infatti i canali nazionali spagnoli che seguono l`evento in modo costante.
Studenti non solo spagnoli e avventurieri curiosi sono molto attratti dal festival e durante il periodo dal 6 luglio al 14 i viaggi per Pamplona subiscono un`impennata.
Se non si ha l`intenzione di partecipare alla corsa, vale comunque la pena anche solo assisterla da spettatore e vivere l`elettrica atmosfera che si respira in città. La gara la si può seguire da bordo strada, ovviamente dietro le barriere metalliche o se si ha la possibilità da uno dei balconi circostanti i quali garantiscono un “posto d`onore” per godere dello spettacolo.
E’ consigliato svegliarsi di buon mattino per avere la certezza del posto assicurato, i biglietti vengono venduti mesi prima, ma al termine della corsa si può acquistare i rimanenti per quella successiva.
Non ci sono parole per descrivere la tensione che si avverte intorno alle 8 del mattino poco prima del via, quando un razzo viene sparato per segnalare che i cancelli di Santo Domingo sono stati aperti, un altro per avvertire che i tori stanno arrivando, un segnale inequivocabile per i partecipanti vestiti di bianco con un fazzoletto rosso intorno al collo: bisogna correre!
Vivere un evento del genere è un modo per immergersi nella cultura spagnola: adrenalina, tensione e divertimento sono garantiti.

Cerca nel sito

Diventa Guest Blogger!

Scrivi un guest post

Seguimi sui Social

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

Trending Topics

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

@beroad.it su Instagram

I post più recenti

Be Road su Facebook