In viaggio per la Spagna: prima tappa Barcellona

scritto da il 20 luglio 2009


Diario di viaggio di Andrea Tubili

Qualche tempo fa ho conosciuto una ragazza della quale mi sono innamorato perdutamente.
Uscivo da una storia lunga e travagliata e avevo voglia di partire con il piede giusto. Fu così che neanche dopo un mese di frequentazione, le chiesi di venire a fare un giro in treno con me per tutta la Spagna del sud. Una serie di circostanze le impedirono di partire con me e fu allora che decisi, non senza fatica, di intraprendere il viaggio da solo.
E’ stata una delle più belle esperienze della mia vita. Poter girare libero da vincoli, senza la schiavitù del telefono o di qualcuno che possa decidere orari o luoghi al tuo posto, ti da un senso di libertà talmente alto che diventa difficile farne a meno una volta che il sogno finisce.

La prima tappa del viaggio è stata Barcellona, città ricca di colori e vita.

La mia tabella di marcia era costituita da piccoli e semplici rituali che alla fine hanno dato i loro frutti.
Ogni volta che raggiungevo una diversa tappa ero solito farmi un bel giro per il centro con il mio fedelissimo trolley per respirare subito l’aria del posto e percepire i diversi umori e i sapori. Poi mettevo in pratica la regola fondamentale: niente fast food ma esclusivamente cucina del posto e abitudini locali.

Foto di Andrea Tubili

Foto di Andrea Tubili

Per dormire? Beh… mi facevo un giro partendo dalle piazze principali o dalle vie più grandi e vicolo dopo vicolo nel mio spagnolo maccheronico chiedevo se ci fossero stanze libere in tutti gli ostelli e alberghetti che incontravo. Il costo della vita in Spagna è più basso del nostro, quindi è facile trovare alberghi a 2 o 3 stelle sotto i 30 euro. Se sei fortunato può capitarti anche di trovare stanze che persone comuni affittano per guadagnare qualche soldo in più alla fine del mese.

Barcellona è una città di mare. Io dico sempre che sembra Napoli per il calore che ci trovi.

La via più conosciuta è la RAMBLAS, strada che parte dal centro della città ed arriva fino al porto… una città nella città.
Lungo tutta la via c’è un continuo via vai di famiglie, ragazzi e coppiette che serpeggiano in lungo e in largo tra le mille bancarelle che si susseguono in alternanza a ristorantini tipici dove poter gustare le famose TAPAS e ad artisti di strada dei più variegati si esibiscono in performance di ogni genere.

La prima cosa che si nota, se si fa un po’ di attenzione, è il rispetto della gente. A Barcellona anche chi fa un mestiere come il saltimbanco lo fa con una certa dignità e il fatto di avere un’intera via lungo la quale esibirsi davanti alla gente che ti guarda, ride e ti ammira, fa capire come sia diverso anche solo pensare di fare della propria passione un sogno realizzabile.

Barcellona offre molto altro, la RAMBLAS non è che la prima meta che da buon turista devi e sei obbligato a fare.
Colpisce molto come fino a notte fonda il via vai sia continuo e ininterrotto. Lungo la via però, è opportuno buttarsi di tanto in tanto nei vicoletti e lasciarsi guidare dai gruppi di persone che gironzolano come te. E’ singolare come si possano scoprire dei tesori nei tesori subito dietro un angolo o un palazzo.


E poi c’è la SAGRADA FAMIGLIA… cattedrale maestosa voluta da GAUDI e ancora in via di costruzione, imponente e singolare nella sua architettura.
Barcellona è permeata della vita di questo artista che ha saputo vivere e convivere con gli spazi architettonici reinterpretandoli a modo suo ed arricchendoli di cuspidi, torri affusolate coperte di maioliche.

La singolarità di Barcellona, come di tutta la Spagna credo, non sta solo nella bellezza di quello che si vede ma anche nei suoi abitanti, persone che sanno mettere al primo posto la necessità di vivere bene e al meglio sempre e comunque.

Leggi le altre tappe del viaggio di Andrea:
Madrid
Siviglia


Foto di Andrea Tubili

Inviaci le tue esperienze di viaggio!
Scrivici a: mail@beroad.it

Trending Topics

Cerca nel blog

Come risparmiare quando si organizza un viaggio

Ami viaggiare? Seguimi!

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

Seguimi su Instagram!

I post più recenti

Seguimi su Facebook!