Disneyland Paris e la magia delle file che non finiscono mai

scritto da il 21 giugno 2018


Questo non è un post smielato su Disneyland Paris. Qui non troverete frasi del tipo “Disneyland Paris è pura magia”. Tutt’altro.
Leggetelo per sapere cosa vi aspetta se avete deciso di andare a Disneyland Paris per far contenti i vostri bambini.
Per un post più utile con tutti i dettagli su come organizzare una vacanza a Disneyland Paris, dove dormire e come risparmiare, dovrete attendere ancora un po’… (sempre che abbiate ancora voglia di andarci).

 

Siamo stati due notti a Disneyland Paris (quello che un tempo si chiamava Euro Disney). Ci sono cascata anch’io, che non riuscivo a capire come mai moltissime famiglie decidessero di spendere quasi uno stipendio per passare 48 ore o poco più in compagnia di Minnie e Topolino.

Disneyland Paris

Disneyland Paris

Chi mi conosce lo sa, non amo particolarmente i parchi divertimento, o meglio non li amo per più di cinque/sei ore. Ho sempre detto che mai avrei speso tempo e soldi per passare due giorni a Disneyland Paris. Poi non so spiegarvi bene cosa sia successo, probabilmente mi sono fatta influenzare dai racconti di amici e conoscenti e dalle offerte in corso pubblicizzate ovunque, fatto sta che ho organizzato una mini vacanza a Disneyland Paris per festeggiare la fine della scuola e l’inizio delle vacanze estive. Sicuramente un atto di grande generosità verso i mei figli, anche perché per loro é stata effettivamente una super vacanza.

Più volte mi sono sentita dire che 48 ore a Disneyland Paris non sono abbastanza. Ora che ci sono stata mi è chiaro il perché. In un giorno solo abbiamo avuto la sensazione di non aver fatto nulla: le prime due ore servono per capire qualcosa di questo mondo a sé; le restanti ore per fare file.

 

In un’ora si riesce si e no a fare due attrazioni, consideratevi fortunati se l’attesa per salire sulla giostra preferita di vostro figlio é solamente di 20 minuti. Poi ci sono le file per mangiare, le file per andare in bagno e le file per fare le foto con Pippo, Pluto, Paperino e gli altri personaggi Disney.

Ma parliamo del clima che si respira, che non é rilassato come ci si potrebbe aspettare. D’altronde tutte queste file mettono un po’ di nervosismo addosso.

E allora capita di incontrare famiglie, italiane e non, che per parlarsi si urlano contro, bambini che piangono stravolti dalla stanchezza e genitori stufi di tirare fuori il portafoglio per gadget con le orecchie di topolino e cibo di bassa qualità. Poi ovviamente quando arriva il “momento selfie” sfoggiano tutti dei gran sorrisi…

 

Disneyland Paris Studios, t rex

Disneyland Paris

Disney Illuminations, lo spettacolo di luci finali con tanto di fuochi d’artificio e video mapping sul castello della Bella Addormentata nel bosco, é senza dubbio suggestivo ed è stato davvero emozionante, anche per me. Ma attendere le 23.00 con bambini stanchi in braccio e con il vento di una fredda primavera parigina non é stato proprio magico…

Ma attenzione, qualcosa è piaciuto anche a me: le attrazioni di Disneyland Paris sono davvero ben fatte, c’è una grande cura del particolare e le scenografia sono suggestive. Anche i bambini piccoli (da un metro in su) hanno di che divertirsi senza per forza farsi strapazzare su giostre che fanno venire il voltastomaco.

 

Ammetto di non essere riuscita a lasciarmi andare alla magia di Disneyland Paris, il mio cinismo ha preso il sopravvento.

Comunque voglio tranquillizzarvi, non ho coinvolto i bambini nel mio scetticismo. Non amo lamentarmi davanti a loro, così ho sfoggiato il mio sorriso migliore ed un grande entusiasmo! Ma la magia preferisco trovarla altrove.

E se, nonostante tutto, a Disneyland Paris ci vuoi proprio andare leggi:
Pacchetti e offerte per Disneyland Paris: scopri come risparmiare”

 

Ti piace il blog? Mi trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 5 e 8 anni

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca nel blog

Ciao! Sono Valentina

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 5 e 8 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

Argomenti principali

New York City

new york con bambini

Londra

Londra con bambini

Fuerteventura (Canarie)

Fuerteventura con bambini

Cornovaglia

cornovaglia con bambini

Torino

Torino con bambini

Formentera

Formentera con bambini

BeRoad sui Social Network

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Segui il Blog via Email

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

ADV

Seguimi su Instagram!

I post più recenti

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?