I consigli per organizzare un Weekend a Valencia con bambini

scritto da il 31 gennaio 2018


Weekend a Valencia con bambini

Weekend a Valencia con bambini

Siamo stati a Valencia con i bambini durante il ponte dell’Immacolata (dall’8 all’11 Dicembre), ma vi dico la verità, ero un po’ indecisa se scrivere o meno questo post, infatti ho tergiversato un bel po’ prima di prendere una decisione.
Il motivo? Sia io che mi figlia abbiamo avuto una terribile influenza che ci ha steso (a me in particolar modo, i bambini si sa, hanno dei tempi di recupero molto più brevi!).

Weekend a Valencia con bambini

Weekend a Valencia con bambini – Quanto è buffo questo pesce dell’Oceanario?

Morale della favola sono stata a letto quasi per tutta la durata della vacanze (mia figlia almeno l’acquario è riuscita a vederlo).
Per fortuna eravamo con un’altra famiglia che si è spupazzata Diego, l’unico della famiglia che ha visitato Valencia come si deve (io per fortuna c’ero già stata una decina d’anni fa).
Comunque più di qualche consiglio per organizzare un weekend a Valencia con bambini riesco a darvelo, la maggior parte delle foto che vedete però sono state scattate dal mio compagno.

Abbiamo volato da Roma a Valencia con la compagnia spagnola Vueling e siamo tornati alla base con Rayanair. Poco da dire sui voli, sono stati abbastanza puntuali e in meno di due ore ci hanno portato a destinazione.
I biglietti, nonostante il ponte dell’8 Dicembre, non li abbiamo pagati moltissimo, poco meno di 120 euro andata e ritorno, acquistati un paio di mesi prima.

Leggi anche: Weekend all’estero con i bambini: i trucchi per risparmiare

 

Dall’aeroporto di Valencia al centro

Dall’aeroporto di Valencia al centro città, dove avevamo il nostro l’appartamento, abbiamo preso un taxi. Il costo è tra i 20 e i 25 euro, la distanza è di soli otto chilometri.

Abbiamo dovuto attendere un po’ per il taxi non tanto per la fila, che scorreva velocemente, ma perché con due bambini era necessario trovare un taxi munito di seggiolini.
A Valencia le multe sono salate (multano sia il tassista che i genitori dei bambini) e i tassisti senza seggiolini non si prendono il rischio. Più che giusto! Questo vale solo per le grandi distanze, in città la questione cambia.

Anche a Valencia funziona l’app Mytaxi, che uso sempre a Roma (la corsa si può pagare con paypal, spesso ci sono sconti, si può lasciare una recensione al tassista e alle condizioni della macchina e si può prenotare un taxi con molto anticipo).

Per chi è meno comodino di noi segnalo che dall’aeroporto di Valencia è possibile raggiungere il centro città con la metro (linee 3 e 5), in venti minuti circa.

Dove dormire a Valencia con bambini: il nostro appartamento in centro

 

Appartamento Flats Friends Soho Suites

 

Quando stiamo via 3/4 giorni, ora che i bambini sono grandicelli (4 e 7 anni) preferiamo l’albergo all’appartamento, ma questa volta, non avendo trovato un hotel a buon prezzo in centro, abbiamo prenotato un appartamento.

Weekend a Valencia con bambini: dove dormire

Weekend a Valencia con bambini: dove dormire


L’Appartamento Flats Friends Soho Suites
 si trova all’interno di un palazzo adibito completamente all’affitto di case per turisti. All’ingresso troverete infatti una reception (aperta solo in determinati orari) per fare il check in e per chiedere informazioni di ogni tipo (la signora che ci accolto era davvero molto disponibile).

La zona è centrale, a cinque minuti o poco più dal cuore del centro storico di Valencia, peccato però che l’ingresso del palazzo si trovi in un vicoletto non molto ben frequentato. A pochi metri infatti c’è un bar dall’aspetto losco, non è difficile trovare prostitute o tipi poco raccomandabili. C’è di buono che la polizia a Valencia è davvero molto presente, spesso infatti ci è capitato di trovare una pattuglia a controllare. Nessuno ci ha mai dato fastidio.
Davvero questa è l’unica nota negativa perché gli appartamenti sono carini, puliti e accoglienti. La cucina per noi si è rivelata abbastanza fondamentale per preparate al volo una pasta in bianco ai malati di turno.
La metro più vicina si trova ad 800 metri (Angel Guimera) ma noi non l’abbiamo mai presa (per andare all’Oceanocrafico c’è un comodo autobus dal centro).

Se volete prenotare un appartamento al Flats Friends Soho Suites cliccate qui

In alternativa vi consiglio questo appartamento in cui ho alloggiato quando sono stata la prima volta a Valencia.
Si tratta anche in questo caso di un palazzo interamente adibito ad uso turistico: Blue Moon Apartments.

Valencia Card

Una cosa che acquisto spesso quando visito una città è la tourist card, così da non dover pensare ai singoli biglietti ogni volta che prendo un mezzo pubblico.
La Valencia Card permette di salire su metro e autobus gratuitamente e offre uno sconto del 15% su molti musei e attrazioni.
Il costo, se comprata online, è di 13,50 euro per 24 ore, 18 euro per 48 ore e 22,50 euro per 72 ore.
Prima di partire potete capire se vi convenga o no acquistare la Valencia Tourist Card calcolando il vostro risparmio sul sito ufficiale della Valencia Tourist Card.

Da non perdere in centro

 

Appena arrivati a Valencia (io stavo ancora bene e Bianca sotto effetto di ibuprofene) siamo andati alla scoperta del bellissimo centro storico della città.

 

Weekend a Valencia con bambini: la Lonja de la Seda

Weekend a Valencia con bambini: la Lonja de la Seda

A mio avviso non potete perdervi le seguenti attrazioni:

– la Lonja de la Seda, un meraviglioso palazzo Patrimonio dell’Umanità. L’ingresso costa solo un euro;
– il Mercado Central (molto vicino al nostro appartamento). Entrando in questo mercato siamo stati catapultati nei colori e nei profumi di frutta e verdura della zona (per non parlare dei salumi!). Io amo i mercati in generale ma questo piacerà davvero a tutti;
– la bellissima Cattedrale e il Miguelete, campanile in stile gotico con forma ottagonale con una terrazza panoramica 51 metri di altezza (e circa 200 scalini su una scala a chiocciola, non proprio per tutti).
– le Torres de Serrano per una vista dall’alto (2 euro l’ingresso, 1 euro per i bambini, gratuito la domenica)

Weekend a Valencia con bambini: il Miguelete

Weekend a Valencia con bambini: il Miguelete

Cosa fare a Valencia con i bambini

Ma passiamo alle cose davvero imperdibili se visitate Valencia con i bambini.

 

Ciutat de les Arts i les Ciències

 

La città delle arti e delle scienze è uno straordinario complesso architettonico che comprende cinque diverse aree:

– El Palau de les Arts Reina Sofía
– L’Umbracle
– Museo delle scienze Principe Felipe
– L’Hemisfèric
– Parco oceanografico di Valencia

Weekend a Valencia con bambini: l'Oceanografico

Weekend a Valencia con bambini: l’Oceanografico

Le ultime tre sono quelle che generalmente interessano le famiglie con bambini: il Museo delle scienze, l’Hemisfèric, con proiezioni IMAX e l’Oceanografico, uno dei più grandi acquari d’Europa.
Esistono dei biglietti combinati da tenere in considerazione se si vuole visitare più di un’area. Permettono di risparmiare qualcosa. La comodità di questi biglietti è che è possibile utilizzarli in giorni diversi, cosa che straconsiglio. Visitare l’Oceanocrafico e il Museo della Scienza nella stessa giornata è davvero molto impegnativo (per i bambini ma anche per gli adulti).

L’acquario ovviamente è imperdibile, i bambini lo adorano. Il Museo delle Scienze è molto bello, ma lo consiglio solo se i bambini hanno almeno 5 anni. All’Hemisfèric, quando sono stata a Valencia una decina di anni fa, non ci sono stata. Neanche questa volta, visto che stavo a letto!!! Ma Diego e gli altri nostri amici ci sono stati e non mi sono sembrati entusiasti. Insomma non è imperdibile da quel che mi hanno riferito.


Parco di Gulliver

All’interno dei Jardines del Turia hanno costruito un gigantesco Gulliver della lunghezza di settanta metri che non è altro che una pazzesca area giochi. I bambini, nel ruolo di piccoli lillipuziani, si sono divertiti a scorrazzare tra scivoli, rampe e scale. L’attrazione è un po’ dispersiva, vi consiglio di non perdere d’occhio i vostri figli.

Weekend a Valencia con bambini: il Parco di Gulliver

Weekend a Valencia con bambini: il Parco di Gulliver


Il Giardino botanico

Una passeggiata rilassante tra erbe medicinali, cactus e piante di ogni genere è consigliata a tutti, grandi e piccini. Il Giardino Botanico di Valencia è immenso e ideale in una bella giornata di sole. Ospita anche una grande colonia di gatti!


Il Bioparc

 

Un giardino zoologico diverso dal solito, visto che di gabbie non se ne vedono. Sembra più uno zoo safari che il classico zoo a cui siamo abituati in Italia. Non è grandissimo ma ben organizzato e curato. Se avete tempo a disposizione è assolutamente consigliato.

Dove mangiare la paella a Valencia

 

Qui non mi dilungo troppo perché io non ho praticamente mai mangiato causa influenza. Va bene che ho perso un paio di chili, ma avrei decisamente preferito strafogarmi di paella e tapas varie!!!

Dove mangiare la paella a Valencia: ristorante Canela

Dove mangiare la paella a Valencia: ristorante Canela

Dall’Italia avevo prenotato per la nostra prima sera a Valencia il ristorante Canela, dove ovviamente si mangia la famosa paella valenciana. Su consiglio di amici avevo prenotato il tavolo qualche giorno prima, e infatti mi è stato riferito dai miei compagni di viaggio che il locale era pieno. Mi hanno detto che la paella era molto buona ma che, secondo loro, c’erano un po’ troppi italiani.
A Valencia scoprirete che la vera paella alla valenciana non è di pesce, né mista.
Gli ingredienti principali sono carne di pollo e coniglio, fagiolini piattoni (i corallo) e fagioli. Una vera bontà!

Ti piace il blog? Mi trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 5 e 8 anni

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca nel blog

Un Codice Sconto per te!

Codice sconto viviparchi
“codice
“codice

Trending Topics

Ciao! Sono Valentina

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

Socializziamo?

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Segui il Blog via Email

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

ADV

Londra con bambini

Seguimi su Instagram!

I post più recenti

Seguimi su Facebook!

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?