Weekend a Torino con bambini: vi racconto la mia esperienza

scritto da il 20 dicembre 2016


Torino con bambini

Torino con bambini

“Che ci andate a fare a Torino, per di più con i bambini?”.
Eh si, molti hanno reagito così quando ho detto loro che andavamo qualche giorno in vacanza a Torino, tant’è che prima di partire mi ero quasi convinta che saremmo rimasti delusi da questa città, e invece non è andata così.
Siamo partiti per Torino da Roma con un Frecciarossa 1000 che in quattro ore esatte ci ha portato alla stazione Porta Nuova. Ovviamente Mr D, che soffre il mal di quasiasi mezzo, si è sentito male quasi subito, ma per fortuna eravamo attrezzati con buste, salviette, scottex ed è andata tutto sommato bene.

torino con bambini

Mr D sul Frecciarossa 1000

Siamo stati a Torino con i bambini (5 e 3 anni) per tre notti, da Sabato a Martedì mattina.
Torino è una città molto vivibile per i bambini, soprattutto per la gran quantità di (bellissime) piazza pedonali nelle quali possono sfogarsi con corse indisturbate. Poco vivibili sono forse i ristoranti del centro di Torino, stretti e non adatti ad una vivace bambina quasi treenne, ma questo è un altro discorso.

torino con bambini

La Mole Antonelliana, simbolo di Torino

Abbiamo trovato una Torino letteralmente invasa dai turisti (era il periodo di Pasqua) ora mi spiego la difficoltà di trovare un alloggio ad un mese dalla nostra partenza. Abbiamo soggiornato in un grazioso appartamento a due passi dal MAO (10 minuti a piedi da Piazza Castello) e da una piccola area gioco per bambini tappa fissa prima di rientrare a casa (in via San Domenico).

Museo del Cinema di Torino con bambini, come prenotare una visita guidata o un laboratorio

torino con bambini

Museo del Cinema di Torino

Il Museo del Cinema di Torino è davvero bello, mi sento di dire che da solo vale il viaggio. Con le sue luci, colori ed effetti speciali riesce ad attirare l’attenzione di adulti e bambini di ogni età. Noi abbiamo preferito prenotare una visita guidata per bambini (“Storia dei disegni animati”) e devo dire che ne è valsa la pena. Diego era molto interessato alle spiegazioni della guida, la visita è durata un’oretta e successivamente abbiamo avuto il tempo di girare il museo da soli.





Prenotare una visita guidata al museo del cinema di Torino (dal costo di 5 euro oltre il prezzo del biglietto d’ingresso) vi permetterà di saltare la fila che nei giorni di festa e nei weekend è davvero interminabile

Per chiedere informazioni su una visita guidata (consigliata a partire dai 4 anni di età) o un laboratorio (dai 6 anni) potete mandare una mail a prenotazioni@museocinema.it, telefonare al numero 011 8138564/65 o consultare la seguente pagina del sito ufficiale del Museo del Cinema: http://www.museocinema.it/

Un altro modo per saltare la fila è acquistare il biglietto d’ingresso online sul sito ufficiale del museo.

Purtroppo non siamo saliti sulla cima della Mole Antonelliana (il museo del Cinema si trova proprio all’interno delle sale della Mole) la fila per l’ascensore panoramico era di circa 20 minuti, decisamente troppi con due bambini. Dalla terrazza in cui porta l’ascensore si ha la più bella vista dall’alto su Torino e le Alpi, ottimo motivo per tornare (magari non nei giorni di festa).

Museo Egizio di Torino con bambini: andarci si o no?

torino con bambini

Il Museo Egizio di Torino

Non ero troppo convinta di andare al Museo Egizio con i bambini, ed effettivamente non avevo tutti i torti. Le visite guidate sono consigliati dai 6 anni di età, motivo per cui abbiamo preferito non prenotare. Volevamo comunque acquistare i biglietti online per evitare la fila, ma il venerdì erano già terminati sia per la domenica che per il lunedi.

Se volete evitare la lunga fila al Museo Egizio ma i biglietti online sono già terminati, vi consiglio di andarci ad un pao d’ore dalla chiusura.

Nei giorni di Pasqua il museo chiudeva alle 23.00. Noi siamo andati alle 19.00 senza fare nemmeno un minuto di fila.

Come dicevo visitare il Museo Egizio di Torino con i bambini (a differenza di quello del Cinema) non mi convinceva, ed effettivamente Diego è rimasto piuttosto deluso, probabilmente si aspettava di trovare le mummie stile cartone animato. Sfingi, sarcofagi e statue monumentali non sono state molto apprezzate. Ecco perché consiglio il Museo Egizio di Torino a bambini dai 6/7 anni in su, con visita guidata e laboratorio, non prima.

Personalmente sono rimasta molto colpita dalla Galleria dei Re, lo statuario riaperto al pubblico da circa un anno dopo la grande ristrutturazione che ha interessato il Museo Egizio negli ultimi anni. Una grande e suggestiva sala con specchi e luce diffuse realizzata dallo scenografo Premio Oscar Dante Ferretti in occasione delle Olimpiadi di Torino 2006, che vi farà immergere in un ambiente senza tempo tra statue di immensa bellezza.

torino con bambini

Area gioco vicino al Mao (via San Domenico)

Mangiare a Torino con bambini

Come dicevo i ristoranti del centro di Torino non si prestano molto ad un pasto comodo con bambini piccoli (e scalmanati) al seguito. Per di più trovare un tavolo libero durante le vacanze di Pasqua si è rivelato più difficile del previsto. Nonostante questo ho qualche posto da consigliarvi.

torino con bambini

Torino e le sue cioccolate, come resistere?

Dove fare colazione a Torino

Per la colazione fate tappa al Caffè al Bicerin, locale storico di Torino aperto dal 1763 dove il Conte Camillo Benso di Cavour andava spesso a gustare un bicerin. Noi ce l’avevamo a poche centinaia di metri dall’appartamento in cui alloggiavamo, motivo per cui non ci siamo fatti mancare una colazione lì. Il locale in realtà è molto raccolto, arredamento elegante in legno con piccoli tavolini rotondi in marmo uno attaccato all’altro, ma per fortuna con la bella stagione potrete gustare il vostro bicerin nei tavoli esterni, cosicché il locale diventa improvvisamente accogliente anche per le famiglie numerose. Piazza della Consolata, dove si trova l’antico bar, è una piccola piazzetta pedonale dove i vostri bambini potranno correre felici mentre voi fate colazione in tranquillità (si fa per dire). Il servizio è stato molto lento (pare che mancasse una cameriera), ma per fortuna non avevamo fretta. Specialità del locale sono il bicerin e lo zabaione. Il bicerin è una bevanda calda a base di caffè, cioccolato e crema di latte. Rimane molto cremosa (per gustarla meglio ci hanno consigliato di non girarla con il cucchiaino), una vera delizia. Sicuramente un’alternativa al solito cappuccino. Sempre per la colazione o una merenda a base di dolcetti e cioccolata calda vi consiglio: Baratti & Milano (Galleria Subalpina), Caffè San Carlo (nell’omonima piazza), il Caffè Mulassano (Piazza Castello 15), dove potrete gustare, oltre ai dolci, gustosi tramezzini (sembra proprio che i tramezzini siano nati a Torino!) e la pasticceria Venier (in via Monte di Pietà 22). Sono tutte caffetterie storiche della città.

Ristoranti per famiglie a Torino

torino con bambini

Area gioco al M**Bun

Primo fra tutti M**Bun, un fast food nell’arredamento non molto differente da un comune Mc Donald ma che offre solo prodotti e ingredienti di qualità. La carne bovina utilizzata proviene da animali di pura Razza Piemontese, i polli sono rigorosamente cresciuti a terra e i maiali sono allevati senza alcuna forzatura in box a lettiera inclinata. Il pane è artigianale a lievitazione naturale. Le patate sono fresche e i dolci buonissimi, senza coloranti e conservanti. Insomma cibo gustoso e accattivante per i bambini ma sano (i miei vanno pazzi per la cucina americana), in un posto assolutamente comodo per loro (al piano di sotto troverete un’area gioco di 40 mq). Di M**Bun a Torino e provincia ce ne sono tre (uno fuori città). Noi siamo stati in quello in via Rattazzi 4, ad un chilometro circa da piazza Castello.

Se volete mangiare la cucina tipica piemontese vi segnalo “Bottega Mia”, in Via Palazzo di Città, 19. Il locale è piccolino molto intimo, come la maggior parte dei ristoranti del centro storico, ma nonostante questo non ci siamo trovati a disagio con i bambini. Ottimo il risotto al barolo e toma.

Se cercate una trattoria alla buona e piuttosto economica vi consiglio Cianci Piola Caffè (Largo IV Marzo 9b) e Da Peppino (in via dei Mercanti 7).

Usciti dal Museo Egizio intorno alle 21.00 ci siamo trovati davanti Planet, un ristorante, pizzeria, birreria stile americano. Non ci ispirava molto a dir la verità, ma cominciava a piovigginare, eravamo stanchi ed era già tardi, l’idea di andare alla ricerca di un ristorante che magari avremmo trovato pieno non ci piaceva molto, così senza indugiare troppo siamo entrati. Il locale è grande e comodo con i bambini, e a volte tanto basta per passare una serata piacevole. Gli hamburger non sono male, così come la focaccia. Planet si trova in Via Pr. Amedeo, 2E.

I gelati di Torino

Se siete a dieta scordatevi di andare a Torino! Oltre a cioccolate calde, prelibati cioccolatini e bicerin, non potrete fare a meno di fare una pausa gelato. Vi consiglio la storica gelateria Pepino, nella bellissima piazza Carignano. Provate il gusto bonèt (cioccolato dal retrogusto di amaretto) e la crema Pepino, ma non disdegnate nemmeno il Pinguino, che non è un semplice gelato confezionato, ma una sorta di cremino di altissima qualità, quello alla nocciola è il top.
Da Pepino potrete anche fare colazione o aperitivo.

Negozi di giocattoli in centro a Torino

Quando siamo in giro con i nostri bimbi è ormai tradizione comprare loro un regalino, per avere un nuovo gioco durante la vacanza e per portarsi un ricordino a casa. Il primo giorno a Torino abbiamo quindi fatto tappa al negozio “Gioia dei bimbi”, in via Po 46 (una lunga via commerciale in centro).

Pimpa va a Torino, la guida della città per i bambini

torino con bambini

Pimpa va a Torino

Al bookshop del Museo Egizio abbiamo acquistato una guida di Torino un po’ particolare: “Pimpa va a Torino”. E’ un piccolo libricino che guida i più piccoli alla scoperta della città, dei suoi monumenti e dei suoi segreti. Credo proprio che presto comprerò anche “Pimpa va a Roma” visto il successo ottenuto in famiglia. E’ una buona idea per coinvolgere i bambini nella visita della città. La potete acquistare online prima della partenza su Amazon.

Peccato non aver visitato il Parco del Valentino, il più famoso e antico parco pubblico di Torino che si sviluppa lungo le rive del Po. Siamo stati invece all’inaugurazione dei Giardini Reali (di cui tanto si parlava in città) finalmente riaperti al pubblico dopo moltissimi anni.





Ti piace il blog? Mi trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni

Trending Topics

Cerca nel sito

Social Be Road

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

  • Non ci sono articoli

@beroad.it su Instagram

I post più recenti

Be Road su Facebook