Cisco, una vera Ghost Town nello Utah

scritto da il 16 ottobre 2014





Nel mondo della fotografia sta spopolando una moda: fotografare luoghi abbandonati e lasciati a sé stessi, e poteva beroad non portarvi dentro questo mondo?

cisco ghost town

Cisco ghost town – foto credits: Gianni Mezzadri

Negli Stati Uniti in passato accadeva che le cittadine crescessero come funghi, per i motivi più disparati o solo per coltivare una natura che sembrava un po’ meno ostile che in altri posti (nelle terre dell’ovest ci sono luoghi chiamati “badlands” o zone dei parchi a cui sono stati appioppati nomi come “badwater” o “devils-qualsiasi-cosa”). Ma poi, dopo qualche anno, queste cittadine venivano abbandonate. Cristallizzate in un’epoca andata, come se ci fosse un momento in cui gli abitanti mollano tutto e scappano, con ancora i piatti in tavola. La bolla economica di inizio secolo, la caccia all’oro del vecchio west e anche solo il cambio di direzione dei treni merci, hanno creato piccoli mondi fermi nel tempo.

E negli States questo ha generato curiosità e – ovviamente – una montagna di cacciatori di città abbandonate e, talvolta, la protezione da parte di enti o parchi nazionali.

Tombstone

Tombstone, ex ghost town, oggi villaggio western “ricostruito” – foto credits: Gianni Mezzadri

E così si possono trovare siti come ghosttowns.com (precisi in maniera maniacale, con centinaia di città abbandonate per ogni stato), foto e video che si mischiano alle leggende che si portano dietro.

Alcune sono diventate vere e proprie mete turistiche, come Bodie in California, su cui, a quanto pare, aleggia una maledizione, o come la celeberrima Tombstone in Arizona, incredibilmente ricostruita alla perfezione e meta di chiunque voglia rivivere l’atmosfera di fine ‘800 tra pistoleri (è celebre per la sfida dell’Ok corral), saloon con personaggi in abiti dell’epoca e cimiteri bizzarri.

Tombstone

Saloon e Negozi Old Style a TOmbstone – foto credits: Gianni Mezzadri

La maggior parte però sono solo mondi dimenticati, in cui passare, immaginare la vita brulicante che è passata di lì ed andare oltre.

Quest’estate, attraversando lo Utah, abbiamo fatto tappa a Cisco (vicino al collegamento tra la intestate 70 e la strada statale 128), una città nata per uno motivo curioso: i treni si fermavano lì per “lavare” i freni e farli raffreddare. Cambiata la direzione dei carichi, la città è morta e resta solo nelle parole di Johnny Cash e nella sua “Cisco Clifton’s Fillin Station”, che racconta la storia di un uomo che lì ci viveva.

cisco ghost town

Cisco ghost town – foto credits: Gianni Mezzadri

Ed è curioso entrare nelle case, trovare libri e pezzi di vita di qualcuno che adesso, chissà dov’è.

Se vi incuriosisce l’argomento, su wikipedia e ghosttowns.com sono indicate tutte le città, con precisa localizzazione, e si può scoprire che nel mondo sono davvero tantissime, a partire da Craco, in Italia, una splendida città abbandonata vicino a Matera.

Sta a noi adesso scegliere quale città portare nella nostra storia… E quale dimenticare per sempre.

Il video girato a Cisco, ghost town nello Utah




Ti piace il blog? Lo trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Paola_scusateiovado

Dallo scontro di Italia e Spagna è uscita l’anima multiculturale e l’irrefrenabile voglia di viaggiare. Non chiedetele mai “qual è il posto più bello che hai visto?“, potrebbe cominciare a parlare per ore.
Paola_scusateiovado è il nome preso in prestito dal suo blog scusateiovado.com.

Trending Topics

Cerca nel sito

Social Be Road

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 4 e 7 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

  • Non ci sono articoli

@beroad.it su Instagram

I post più recenti

Be Road su Facebook