Tour dell’Alsazia tra mercatini di Natale e buon cibo

scritto da il 13 dicembre 2013


Diciamoci la verità, il Natale è una festa femminile. Almeno per quanto riguarda shopping, decorazioni e tour forzato nei negozi. Per gli uomini, di regola, tutto questo è di una noia mortale, ma c’è un modo per fargli cambiare idea. O almeno, mettersi d’accordo.

Classico biscottino di Natale dei paesi del Nord

Il terreno neutrale per rendere felici amanti della tavola e fan del bricolage è situato a nord, precisamente sul confine tra Francia e Germania, in Alsazia, dove gusto e tradizione natalizia si incontrano in un profumato bicchiere di Glühwein.



Come prima tappa è facile scoprire che mercatini, ricchi tessuti e passioni maschili vanno a braccetto a Mulhouse, soprannominata la “Manchester francese” per i suoi trascorsi industriali. E’ un raro esempio di pianificazione urbana che armonizza arte e storia con modernità, tutta da scoprire attraverso la Città dell’Automobile, il museo del Treno e il Museo Electropolis (il museo dell’Elettricità), che riescono a non stonare accanto a un municipio rinascimentale e a una piazza storica, Place de la Réunion.

E mentre gli uomini si perdono tra Bugatti, Rolls Royce, Ferrari e Panhard d’epoca le donne possono dedicare ore e ore a perdersi tra i ricchi tessuti dai motivi orientaleggianti  prodotti in loco venduti nei negozi o nei colorati mercatini natalizi.

Decorazioni dal fascino nordico e bellezze architettoniche accompagnate come sempre da buon vino e ottimo cibo da degustare in location che non hanno nulla di turistico come Chez Auguste (11, rue Poincaré, 68100 Mulhouse), dove tradizione e creatività si incontrano nei prodotti di stagion e nei vini locali sapientemente abbinati. Un piacere anche per le tasche, visto che si può scegliere il menu degustazione a 25 euro, dolce compreso.

Proseguendo verso nord, poco lontano dalle valli del vino (“la via del vino”, la più antica di Francia che si snoda ai piedi del massiccio dei Vosgi, è stata inaugurata ben 60 anni fa), si può passeggiare tra le vie lastricate della cittadina di Colmar, dall’architettura tipicamente alsaziana e dalle decine di angoli nascosti, tutti da scoprire.

Colmar

Colmar

Stranezze locali come la riproduzione di 12 metri della statua della Libertà situata all’ingresso della città ( Auguste Bartholdi lo scultore che la progettò era originario di Colmar), si accompagnano alle curiosità alimentari e non della cittadina celebre per essere spettacolarmente illuminata nella zona della città vecchia, perché per gli abitanti il Natale diventa una vera e propria missione.
I mercatini in città sono addirittura cinque, dislocati tra Place des Dominicains, la Petite Venise, e il Koïfhus, senza dimenticare una pista di pattinaggio illuminata in place Rapp. Ogni bancarella è stracolma di addobbi natalizi fatti a mano, dolcetti di panspeziato, palline per l’albero decorate e ovviamente, il tradizionale Glühwein. Si perché in place des Dominicains si può noleggiare il bicchiere e farselo riempire ad ogni chioschetto che produce vino caldo bianco e rosso, con tanto di brezel dolci e salati.

Ma in città non si beve sono vino caldo, tra una passeggiata tra i canali de la Petit Venise e un’installazione natalizia con tanto di pinguini e renne è facile imbattersi in una winestube dove sedersi in mezzo a gente del posto e degustare le delizie alsaziane.
Uno di questi posti è Restaurant Winstub Au Cygne (15, rue Edouard Richard, Colmar) dove è difficile trovare turisti. Qui abbondano taglieri di formaggi in cui il Munster (il formaggio a pasta gialla e dall’odore importante) la fa da padrone da abbinare a Gewurztraminer doc e a cui fare seguire piatti strabordanti di Choucroute – una preparazione particolare di crauti, salsiccie e patate – che dev’essere per forza accompagnato da un buon Riesling (e perché no, da una buona dose di citrosodina).

Se si vuole rimanere in zona e non fare troppi chilometri arrivando fino a Strasburgo – che meriterebbe comunque una visita, sia per la bellezza della città, sia per i negozietti che sotto le feste si riempiono di omini di pan di zenzero e peluches di orsetti – si può fare in giornata un tour de force dei paesini più affascinanti e caratteristici della regione di Colmar, magari partendo proprio dalla “perla del vigneto alsaziano”: Riquewihr.

strasburgo

Strasburgo

E’ facile immergersi nella magia di uno dei borghi più belli di Francia: case a graticcio del XVI secolo, mura medievali assediate dai vigneti, la Torre del Dolder – indiscusso simbolo cittadino –  il tutto scoperto e assaporato magari perdendosi nel mercato settimanale del venerdì mattina in Place de Trois Eglises, assaggiando dolci natalizi e poi, ovviamente, perdendosi nel fascino cittadino d’altri tempi. Riquewihr è incredibilmente bella, dal cuore della piazza ai filari che ricoprono le colline che l’abbracciano. D’estate è possibile anche fare un tour sui sentiri dei Grands Crus, perché qui, davvero si producono i migliori cru d’Alsazia.

Consiglio un pranzo o una cena di qualità da “ Au Trotthus” (9 rue des Juifs, 68340 Riquewihr) e poi fare razzia di vini da degustare a casa nella cantina della storica casa vinicola.
Domaine Mittnacht-Klack (dal Lunedi al Venerdì: dalle 8:30 alle 11:45 e dalle 13:30 alle 18.00; Sabato: mattina solo su appuntamento e 13.45 -17.00, 8, rue des Tuileries Riquewihr, Domenica: chiuso), che oltre a far degustare risling e pinot, vende anche direttamente al consumatore, a prezzi, ovviamente, molto competitivi.

E poi, per il gusto di non lasciarsi sfuggire nulla a soli 4 km di distanza un altro tra “le plus beaux villages de France”: Hunawihr, con i suoi balconi fioriti d’estate e carichi di luci e decorazioni d’inverno, tappa obbligata in tutti i tour enologici.

E dopo altri 3 km Ribeauvillé,dove il pezzo forte è il cibo ed è d’obbligo fermarsi a degustare una tarte flambée (una specie di pizza, ma con la pasta che tende a quella della piadina ricoperta di formaggio e pancetta affumicata seduti in una tipica winstub (Zum Pfifferhüs, 14 Grand Rue).

Bergheim

Bergheim

Volendo ci si può davvero fermare in ogni paesino e lasciarsi ammaliare dal fascino magico e d’altri tempi che da queste parti ancora sanno offrire.

Amore nei prodotti offerti, Natale, buon cibo e buon vino. Sono le parole che potrebbero mettere d’accordo qualsiasi coppia. Almeno per il tempo di una vacanza.

Ti piace il blog? Lo trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Paola_scusateiovado

Dallo scontro di Italia e Spagna è uscita l’anima multiculturale e l’irrefrenabile voglia di viaggiare. Non chiedetele mai “qual è il posto più bello che hai visto?“, potrebbe cominciare a parlare per ore.
Paola_scusateiovado è il nome preso in prestito dal suo blog scusateiovado.com.

Trending Topics

Cerca nel sito

Social Be Road

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Chi sono

Valentina Besana

Ho fondato Be Road nel Giugno del 2009 e da allora me ne prendo cura ogni santo giorno. Clicca sulla foto per saperne di più!

ADV

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

Nuova Guida

Londra con bambini

Mete ed Eventi per Famiglie

Viaggiare con i bambini

I post più letti

@beroad.it su Instagram

I post più recenti

Be Road su Facebook