Dove dormire a Nizza: la mia esperienza con BedyCasa

scritto da il 15 aprile 2013


Lo ammetto, sono pigra. Sono una viaggiatrice attiva e instancabile ma non mettetemi davanti al pc ad iscrivermi a siti o mailing list in cui mi chiedono anche codice fiscale e numero di scarpe. Mi demotiva. Ed ecco il primo step che ha fatto entrare BedyCasa, il sito che offre soggiorni presso privati, nelle mie grazie: “vuoi connetterti tramite Facebook?”. Oh, sì. Grazie. Un click e sono nel mio account.


Step due: scegliere dove andare. Visto che è un sito francese che si sta espandendo in tutto il mondo, e dato che non ho mai visto la Costa Azzurra la mia scelta cade lì, sulla Francia più vicina a noi.

Step tre: da chi andare? Le case sembrano tutte molto carine, le descrizioni dei proprietari invitanti. Ed è la pacchia.
Attivo un “alert”, che consiste nell’inserire le date, la zona prescelta e sono i proprietari a scriverti e ad invitarti a scegliere loro. Tanto per non fare nemmeno la fatica di verificare la disponibilità degli alloggi. Loro guardano il tuo profilo, ti inviano messaggi, ti propongono casa loro. Nulla di più semplice.
Ho scelto, Carole. A due passi dal centro di Nizza, l’entusiasmo (e la chiarezza) nel rispondermi mi fanno pensare da subito di non aver sbagliato.
La camera è accogliente è pulitissima (io, soprattutto dopo l’India, sono diventata particolarmente insofferente a tutto ciò che è sporco o apparentemente pulito), Carole, deliziosa.
CI spiega come arrivare in centro, ci consiglia cosa mangiare (e peccato che il marito è arrivato solo dopo, perché si è accesa subito una calda discussione su vini italiani e francesi… almeno su questo sono patriottica) e cosa fare. Chi meglio di un local per darti le dritte?

Giretto per Nizza a parte, rientriamo. Stanchi, ma non più del solito.
Abbiamo dormito nove ore. NOVE. Credo di non ricordarmi l’ultima volta che sono stata orizzontale e priva di coscienza per così tanto tempo. Per non parlare della colazione sul terrazzo a base di torte fatte in casa, succo, caffè, pane, marmellata… tutto divino.

bedycasa nizza

Colazione sul terrazzo

Tiro le somme. Casa accogliente, prezzo corretto, la sensazione di sentirsi più inseriti nel contesto di viaggio, la possibilità di farsi consigliare da gente del luogo.
E con un click puoi mettere online anche la tua ospitalità, magari guadagnando buonus sconti per viaggiare. Quello che si chiama un circolo virtuoso per viaggiatori.

Link alla versione italiana del sito BedyCasa: it.bedycasa.com

Ti piace il blog? Mi trovi anche su
Facebook
Instagram
Google+
Twitter

Paola_scusateiovado

Dallo scontro di Italia e Spagna è uscita l’anima multiculturale e l’irrefrenabile voglia di viaggiare. Non chiedetele mai “qual è il posto più bello che hai visto?“, potrebbe cominciare a parlare per ore.
Paola_scusateiovado è il nome preso in prestito dal suo blog scusateiovado.com.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca nel blog

Ciao! Sono Valentina

Valentina Besana

Travel Blogger dal 2009, nel mondo della scrittura online da molto prima. Adoro viaggiare con il mio compagno e i nostri due figli di 5 e 8 anni. Clicca sulla foto per saperne di più!

Natale: idee regalo

regali di natale per bambini che viaggiano

Argomenti principali

Disneyland Paris

Disneyland Paris risparmiare

New York City

new york con bambini

Londra

Londra con bambini

Lisbona

lisbona con bambini

Fuerteventura (Canarie)

Fuerteventura con bambini

Cornovaglia

cornovaglia con bambini

Torino

Torino con bambini

Formentera

Formentera con bambini

BeRoad sui Social Network

Diventa fan di Be Road Segui Beroad su Twitter Iscriviti ai Feed di Be Road g+ beroad su instagram

Segui il Blog via Email

Lascia qui il tuo indirizzo e-mail, riceverai i post del blog direttamente sulla tua posta

ADV

Seguimi su Instagram!

I post più recenti

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?